fbpx

Main img

Iridologia

 

Forse è leggenda, ma tutto cominciò quando Ignaz Von Peczely, bambino ungherese che ancora non conosceva il suo futuro di medico, nella prima metà dell'800 si prese cura di un gufo con la zampa spezzata. Di fronte a quegli occhi grandi da uccello notturno, notò una diradazione nella trama dell'iride. Nacque così l'idea che una patologia poteva essere letta negli occhi, intuizione poi sviluppata negli anni, mentre nello stesso periodo il pastore protestante svedese Nils Liljequist si accorse che alcuni farmaci erano in grado di modificare il colore dell'iride. Oggi l'iridologia è una scienza ancora "giovane", ma con molti punti fermi. "Attraverso la topografia dell'iride, la parte anteriore e colorata degli occhi, si individuano le aree del corpo riflesse. Per esempio nella zona inferiore si può localizzare il rene. Un po' quello che accade con la riflessologia plantare o con l'auricologia in altre parti dell'organismo - spiega Daniele Lo Rito, medico a Oriago (Venezia), studioso di iridologia, argomento sul quale ha pubblicato diversi libri. "E' un sistema diagnostico o preventivo, di supporto ad altri esami tradizionali, che non cura di per sè, ma consente di valutare, attraverso particolari segni, se c'è un organo debole o una patologia in corso o ancora di individuare esattamente dove nasce un disturbo. E può anche capire quali traumi psicologici del passato pesano oggi sulla nostra salute.

Gli esami di iridologia
L'esame di iridologia non è invasivo e si fa con il biomicroscopio o la lampada a fessura, strumenti abitualmente usati dagli oculisti e che servono a ingrandire l'iride. Al primo può essere collegata una fotocamera o una telecamera per fissare l'immagine sul computer. Dice Lo Rito: "In via preventiva consente di orientarsi su esami specifici a carico di un organo o di una zona del corpo piuttosto che procedere a una ricerca a largo raggio. Per esempio, di fonte a una lombosciatalgia si può comprendere qual è la vertebra interessata, come anche è possibile capire se c'è sofferenza a carico dei reni oppure del fegato. E' utile anche nella medicina del lavoro per valutare l'incompatibilità tra l'attività svolta e un'eventuale debolezza: se l'organo meno forte è il polmone è da evitare l'esposizione a sostanze tossiche.

La geografia dell'iride
Nella topografia dell'occhio gli organi sono distribuiti in modo simmetrico: la milza che nel corpo è a sinistra appare nell'iride sinistra e così via per gambe, braccia, orecchie.... Altri organi, come il fegato, appaiono in ambedue le iridi perchè, pur localizzati su un lato del corpo, hanno diramazioni anche nell'altro. Guardando l'occhio di fronte, possiamo individuare nella parte alta, nella posizione delle ore 12, la testa e, alle 6, gambe, piedi e genitali. Ancora, alle ore 3 c'è il cuore, alle 9 il polmone. Nella parte centrale attorno alla pupilla, nella cosiddetta corona, si riflettono stomaco e intestino. Questa è la "geografia" disegnata da Sigfried Rizzi, uno dei padri dell'iridologia italiana insieme con Luigi Costacurta. Sul fatto che altre scuole hanno disegnato nel tempo topografie diverse si appunta una delle maggiori critiche della medicina ufficiale.

I segni dell'iride
Lo specialista rileva nell'iride segni dal significato diverso. Lo Rito ci spiega i principali: "Le lacune (come le lacerazioni in un tessuto) indicano debolezza di funzione nell'organo interessato, noduli e cisti nelle ovaie o nella tiroide. I segni radiali (raggi bianchi) segnalano la tendenza a infiammazioni. Le discromie (macchie) hanno significati diversi secondo il colore: il marrone indica disfunzioni al fegato; il giallo chiaro problemi ai reni, il giallo più carico l'eccesso di acido urico, il bianco reumatismi e, nei bambini, l'interessamento del sistema linfatico. Se le macchie bianche sono nella periferia dell'iride segnalano sensibilità reumatica e predisposizione del soggetto a essere meteoropatico".

La memoria
L'iride ha un'ottima memoria e vi possiamo leggere la storia della nostra vita: lungo la corona a 360 gradi c'è la proiezione di 60 anni. Quando un segno è sul bordo della corona - chiarisce Lo Rito - è da collegare a un evento traumatico avvenuto a una certa età. Facciamo un esempio: se nella posizione delle ore 9 c'è un'introflessione del bordo (entra e va verso la pupilla) il trauma ? avvenuto a 15 anni. Si può trattare di lutti, separazioni, perdite del lavoro. Poi si cerca il riscontro del paziente. A che serve? "Spesso si curano patologie senza pensare che all'origine c'è un trauma come fattore scatenante. Si cura un'artrite reumatoide, alla cui base c'è un abbandono del partner avvenuto due anni prima. Scoperto il segno, l'iridologo può indirizzare verso una psicoterapia da affiancare alla cura farmacologica".

I problemi dello sviluppo embrionale
Questa applicazione nasce dalla biologia dello sviluppo, branca dell'embriologia moderna (e ufficiale). Si tratta di una ricerca condotta dal dottor Lo Rito: "La scienza ha scoperto che due geni, Talomeno che regola il tempo e Hox che regola lo spazio, lavorano insieme allo sviluppo dell'embrione. Se c'è un'alterazione nella sequenzialità della loro attivazione può crearsi un'anomalia. L'iridologia la individua nel bordo interno della corona, quella dello stomaco. Perchè? Nell'embrione alcuni organi nascono per gemmazione dal tubo intestinale primitivo. I segni nell'iride indicano la "debolezza embrionale probabile", per esempio, a carico del polmone. Questa rende più possibile la predisposizione a bronchiti, asma eccetera. "Un indizio che poi verifico nell'area periferica dell'iride. E che consente di tenere sotto controllo l'organo interessato?.

Meglio delle impronte digitali
L'iride è il futuro dei sistemi di sicurezza. Lo sostiene la biometria, ramo della statistica applicata che utilizza le caratteristiche fisiche di un individuo per verificarne l'identit?. Perchè proprio l'iride? Ha 266 caratteristiche (contro le appena 90 delle impronte digitali), che si mantengono inalterate per tutta la vita. Statisticamente non ne esistono due uguali, sono diverse anche in due gemelli monozigoti. I sistemi attualmente in sperimentazione negli aeroporti di Amsterdam, Londra e Francoforte e in alcune banche prevedono che l'iride sia ripresa da una telecamera, le immagini sono trasformate in un codice confrontato con un archivio computerizzato. In pochi secondi si ha l'identificazione.

Siti internet

 

  •  www.iridologyst.org Informazioni dettagliate e servizi sul mondo dell?iridologia: ricerca, scienza e strumentazione.

 

  • www.geocities.com/geowebit Varie notizie sulla materia e un test gratuito di iridoanalisi.
     
  •  Guide.supereva.it/iridologia/ Tutte o quasi le curiosità possibili e tantissime notizie. A cura di Nino Sala.
     
  •  www.medicinaalternativa.biz/cure_natur/tecniche/iridologia.html Tra le altre cose, notizie storiche tratte anche dalla Bibbia, sia Antico Testamento che Vangeli.
     
  •  www.disinformazione.it/iridologia.htm Sito che si propone "oltre la verità ufficiale", utile per la buona sintesi. Per chi ha fretta.
     
  •  www.naturweb.it/iridologia.htm Un po' di tutto sull?argomento, con particolare rilievo all?interpretazione dei segni.
     
  •  users.libero.it/ass.scuolasalute/iridologia.htm Una delle scuole presenti in Italia. Con un elenco delle associazioni e degli iridologi in attività.
     


Libri


 

  • Daniele Lo Rito, Iridologia è La memoria del passato nei nostri occhi, Edizioni Mediterranee, pagine 140, € 12,91. L'autore spiega come nell?iride sia possibile decifrare la mappa della biografia umana, personale e individuale.

 

  •  Daniele Lo Rito, Lo spazio dell?uomo, Xenia, € 10,33. Come individuare gli spazi del corpo esaminando l'iride.
     
  •  James e Sheelagh Colton, L'iridologia è Leggere nell'iride dell?occhio lo stato della propria salute, Tea Pratica, pagine 150, € 7,23. Piccolo ma completo manuale con un capitolo dedicato all'auto-analisi.
     
  •  Pierre Fragnay, Iridologia, Red Edizioni, pagine 112, € 9,81. Altro manuale, ricco di tante spiegazioni pratiche.
     
  •  Giovanni Nuti, Trattato di iridologia comparata, Tecniche Nuove, pagine 328 con cd rom allegato, € 45,96. Libro con caratteristiche scientifiche che, tra l?altro, confronta le diverse scuole di iridologia.