fbpx

Main img

Il massaggio

 

Una piccola ferita, una bruciatura, una lieve contusione? Subito la nostra mano corre sulla zona colpita a esercitare una pressione per lenire il dolore. Questo gesto consueto dimostra come il massaggio faccia parte del nostro istinto e spiega perchè fin dall'antichità, specie in Oriente, sia stato considerato ideale per ricevere e dare benessere. Oggi è tornato di gran moda, soprattutto perchè ci dà la possibilità in soli 30-60 minuti di liberarci dallo stress che ci "perseguita" sul lavoro, nei rapporti di coppia, nel traffico. Come agisce sul nostro corpo? Lo abbiamo chiesto al dottor Francesco Padrini, psicoterapeuta specializzato in tecniche psicocorporee.
Il primo effetto è psicologico: aumenta la percezione del proprio sè come insieme corpo-mente e ci fa riscoprire la nostra unità funzionale psicosomatica, spesso dimenticata. E poi? "Aumenta la circolazione sanguigna periferica e quindi la vasodilatazione, c'è un alleggerimento a livello del cuore, mentre calore ed energia sono sviluppati in tutte le parti del corpo. Inoltre l'organismo è stimolato alla produzione di endorfine, dette "droghe del piacere": ci riportano verso l'equilibrio corporeo e sono un antidoto ai processi degenerativi dell'organismo. Come e dove si deve fare un massaggio? Occorre un ambiente confortevole e riscaldato, che aiuti a creare feeling tra operatore e cliente. Il massaggio, infatti, è una relazione e chi lo fa deve avere tranquillità, in maniera da trasmetterla?.
Quali le differenze tra massaggi orientali e occidentali? In Occidente siamo pratici, protagonisti e vittime della realtà consumistica, in Oriente si tratta di un rito dai tempi lunghissimi. Per esempio, un massaggio ayurvedico impegna per 3-4 ore, noi invece abbiamo inventato l'office massage, che consente 'interruzione della curva dello stress nell'ora di intervallo.

Il linfodrenaggio
Che cosa è - E' un massaggio nato in Occidente, grazie al medico danese Emil Vodder, che tende a favorire e migliorare la circolazione della linfa, fondamentale per il funzionamento del sistema immunitario e per espellere le scorie dall'organismo. E' il più richiesto dalle donne perchè ha anche un notevole valore estetico. Intervenendo nelle zone dove si è verificata la stasi linfatica oppure prevenendone la formazione, si sciolgono o si evitano antiestetici gonfiori.
A cosa serve - E' vero che aiuta a combattere la cellulite perchè migliora la microcircolazione nelle zone trattate e quindi scioglie i cuscinetti. Ma, se già formata, non può cancellare la "buccia d'arancia". Ha un effetto rigenerante perchè la perfetta circolazione della linfa porta nutrizione anche nelle aree più disidratate, dando compattezza e tono alla pelle. Combatte edemi e infiammazioni (non in fase acuta), acne compresa, aiuta la cicatrizzazione delle ulcere varicose.

Lo shiatsu
Che cosa è - E' un trattamento, di origine giapponese e isEirato alla medicina cinese, che usa il tocco e la pressione (di dita, mani, gomiti e ginocchia) per stimolare il flusso nei meridiani, i canali in cui scorre l'energia lungo il nostro corpo. Così si ottiene, attraverso il rilassamento, il benessere fisico ed emotivo e si migliora la capacità di autoguarigione. Non è solo una tecnica di massaggio, ma una filosofia di vita (nella forma più diffusa in Occidente, lo shiatsu è ispirato allo Zen) per mantenere sempre l'equilibrio energetico. L'operatore pratica "da cuore a cuore". Esiste anche una variante in acqua, chiamata watsu.
A cosa serve - Punta al benessere psicofisico, secondo la visione olistica orientale. Ma ? considerato un'efficace terapia aggiuntiva in disturbi cronici come artrite, asma, capogiri, mal di schiena, emicrania, sciatica, sinusite, stress, ulcera eccetera. Il watsu è indicato anche per le donne in gravidanza.

Il massaggio ayurvedico
Che cosa è - E' una delle applicazioni dell'ayurveda, considerata la medicina più antica del mondo, nata nell'India di tremila anni fa. Ma anche un sistema filosofico e spirituale. Il massaggio punta a tonificare e drenare i muscoli, mantenendo il corpo elastico e giovane, e a sfruttare le energie compresse. Può richiedere anche l'intervento di due operatori perchè viene massaggiata a lungo ogni zona del corpo, cuoio capelluto e viso compresi. Sono impiegati oli (sesamo, mandorla, oliva, germe di grano, ricino, noce di cocco, sandalo, girasole, cartamo, senape e mais), che migliorano il tono della pelle, a seconda delle caratteristiche energetiche del paziente.
A cosa serve - E' indicato in tutte le forme di affaticamento psicofisico. Mantiene agili e scattanti le fasce muscolari. I medici ayurvedici lo usano soprattutto per combattere dolori articolari e muscolari, traumi, insonnia ed emicrania.

Il massaggio bioenergetico
Che cosa è - E' una tecnica messa a punto dallo psicoterapeuta Alexander Lowen, padre dell'analisi bioenergetica. Serve a individuare le parti del corpo bloccate o tese e i punti carenti di energia per ottenere il riequilibrio. Secondo la bioenergetica, infatti, ci creiamo una corazza muscolare caratteriale, diventando sempre meno sensibili alla vita e al piacere. Si considerano cinque strutture caratteriali - cerebrale, dipendente, compressa, dominante e rigida è per un massaggio su misura. Le manipolazioni sono usate in sincronia con la respirazione in maniera da ottenere il cosiddetto grounding, ovvero la consapevolezza della propria realtà corporea.
A cosa serve - Conferisce sicurezza nei propri mezzi. Il carattere può trasformarsi e la persona diventa più plastica e malleabile, riuscendo a trovare dentro di sè e nell'ambiente risposte migliori per le proprie esigenze esistenziali.

Ci sono anche?
Massaggio californiano - E' nato a Big Sur, in California, alla fine degli Anni Sessanta. I suoi movimenti sono fluidi, avvolgenti, ritmici, circolari, lunghi. Avvolgono tutto il corpo dando sensazione di benessere, gioia e calma. Ha un'azione tonica sulla pelle e favorisce la digestione.

Massaggio cinese - Applicazione della medicina tradizionale cinese, detto anche Tuina. Attiva il Qi (o Ki), l'energia vitale, e il sangue, sblocca i canali e ammorbidisce le articolazioni, migliora la circolazione linfatica. Si effettua con la spinta delle dita e dei palmi delle mani, qualche volta anche del pugno.

Digitopressione - Detto anche "agopuntura senza aghi", si basa come lo shiatsu sulla concezione dell'energia che scorre attraverso i meridiani. Si usano il polpastrello e il taglio dell'unghia. E' considerata utile anche contro anoressia e depressione.

Micromassaggio - Sfrutta sempre la teoria dei meridiani, ma è un massaggio miniaturizzato che stimola i punti dell'agopuntura. Vengono usati alternativamente i polpastrelli dei pollici, premendo e muovendosi di pochi centimetri o addirittura in un solo centimetro quadrato. Ha un effetto tonico e, con maggiore pressione, anche drenante.