fbpx

Main img

 

Il dentista soft

 

Dentista uguale dolore. Anche adesso che le anestesie sono sempre più sofisticate e quello che si prova è più fastidio che male, la sola immagine del trapano basta a darci un bel po' di fifa. E appena comincia a farsi sentire il suo sgradevole rumore rotante. Insomma, almeno un poco siamo tutti potenzialmente odontofobici, cioè abbiamo paura dell'odontoiatra. Pur se poi, seduti sulla poltrona del nostro dentista di fiducia, siamo bravi a darci un contegno e offrire con serenità apparente la nostra bocca a tutto quello che è necessario.
Eppure, tutto questo può essere considerato vecchio e sorpassato, ad ascoltare quello che promette l'odontoiatria microinvasiva: niente trapano, niente anestesia, niente dolore. La carie che va via come per magia, con precisione scientifica, senza alterare le zone circostanti e senza che il paziente se ne renda conto; la piorrea tenuta sotto controllo, la radiografia "soft" che consente una ridottissima esposizione alle radiazioni. Intendiamoci, non è così per tutto: estrazioni e devitalizzazioni, per esempio, rimangono ancora un bel banco di prova per il coraggio del paziente, ma nella maggior parte dei casi si entrerà nello studio del dentista a cuor leggero e se ne uscirà con un bel sorriso, in tutti i sensi. Spiega il dottor Franco Manca, specialista in odontoiatria a Milano: "Quello della microinvasivià è un concetto fondamentale della medicina moderna, che sta trovando spazio anche nella cura dei denti. Sofisticati strumenti e nuove metodiche consentono di "lavorare" più velocemente e con minore danno biologico, ovvero senza perdita di tessuto sano".
Vediamo allora quali sono queste novità.

I "miracoli" dell'aria compressa
Si chiama Air Abrasion, è usato abitualmente dal 25% dei dentisti americani, ed è "l'arma" che consente di curare la carie non prendendo neppure in considerazione anestesia e trapano. Come funziona" "L'idea base è che se l'aria compressa indirizza verso il dente una qualsiasi materia questa incide la sua superficie in base alla sostanza utilizzata e alla velocità con cui viene colpita. In questo caso un getto di aria compressa - spiega Manca - veicola microparticelle, più piccole di un granello di sabbia, di ossido di alluminio che "bombardano" la carie e la asportano facilmente in un tempo decisamente inferiore rispetto ai metodi tradizionali. Questo significa che nella stessa seduta è possibile trattare tranquillamente più denti. Non solo, tutti i tessuti dentari adiacenti alla carie vengono rispettati nel modo più assoluto". Perchè non si prova dolore? "Il metodo elimina proprio i due elementi che lo procurano: le vibrazioni del trapano e il surriscaldamento del dente causato dall'attrito con la fresa".

Seleziona la carie
Il limite principale di Air Abrasion è la sua incapacità di funzionare sui tessuti molli della carie. Ma non è un problema perchè in questo caso il dentista può ricorrere a Carisolv. "Si tratta di un gel che ha come principio attivo l'ipoclorito di sodio. Diluito e associato a una miscela di aminoacidi, seleziona la carie e la elimina. Mi spiego. Il gel viene applicato al dente dove in una trentina di secondi scioglie i legami del collagene della dentina (il tessuto duro dei denti) cariata senza intaccare minimamente la porzione sottostante di dentina sana. La carie viene trasformata in un tessuto friabile, poi eliminato manualmente dal dentista con strumenti appositi. Anche in questo caso nè trapano, nè anestesia, nè dolore. Inoltre il gel (spesso abbinato ad Air Abrasion per un'azione ancora più completa) può essere usato in qualsiasi situazione clinica, su tutti i pazienti e per qualunque tipo di carie". La grande dote in più di Carisolv è la presenza di un colorante che funziona come una cartina di tornasole. Al contatto con la carie, il gel innesta una reazione chimica e dal colore rosso rubino passa all'arancione. Questo garantisce la completa asportazione della carie, in genere applicando il prodotto due o tre volte.

Gli ultrasuoni salvano le gengive
Si chiama Vector, è un apparecchio a ultrasuoni e sfrutta lo stesso principio fisico utilizzato per frantumare i calcoli renali. Chiarisce il dottor Manca: è particolarmente utile contro la parodontopatia, una volta definita piorrea, che si forma quando il solco gengivale (il punto di contatto fra il dente e la gengiva) si allarga progressivamente fino a formare una tasca. Questa si riempie di placca batterica e tartaro, impossibili da asportare con la sola igiene dentale. L'energia degli ultrasuoni penetra direttamente nella tasca e fa letteralmente scoppiare gli involucri dei batteri. Così la zona è ripulita e sterilizzata in modo assolutamente indolore". Un'altra utilizzazione di Vector consente di squadrare perfettamente la cavità di un dente dopo la rimozione della carie e prima di applicare un intarsio in porcellana oppure di scolpire un dente, per esempio un incisivo, per potere poi applicare faccette in ceramica.

Radiografia senza raggi, o quasi
Anche nel momento della diagnosi, l'odontoiatria microinvasiva propone una novità: la radiovisiografia o RVG. L'esame radiografico, panoramica compresa, si fa utilizzando invece che la lastrina endorale un sensore collegato a un computer. Con questo metodo è sufficiente una dose di radiazioni inferiore dell'80% rispetto a quello abitualmente utilizzato. L'immagine appare subito sullo schermo del computer e al paziente può essere consegnato un cd rom con tutte le immagini che raccontano l'evoluzione del suo caso. "Ancora più importante - aggiunge Manca - è il fatto che, secondo alcuni studi canadesi, l'RVG consente una maggiore precisione di diagnosi. Inoltre diventa fondamentale nella chirurgia implantologica, in cui può essere necessario eseguire varie radiografie nel corso di un intervento con il conseguente aumento del rischio di necrosi ossea. Con la radiovisiografia questo rischio è inesistente?. L'unico svantaggio è l'elevato costo dell'attrezzatura.

A chi rivolgersi
In Italia l'odontoiatria microinvasiva non è ancora molto diffusa. Per avere informazioni dettagliate si può telefonare all'Associazione nazionale di odontoiatria microinvasiva e air abrasion (Assiomaa) al numero 022826246. Il costo delle terapie è uguale a quelle tradizionali. Anzi, può essere considerato minore perchè in una sola seduta si possono curare pi? denti.

Pro e contro dell'Air Abrasion


Pro
*-- |Eliminazione totale del dolore.
*-- |
Rimozione della carie con velocità superiore a quella dei trapani tradizionali.

*-- |Totale rispetto dei tessuti sani.

*-- |Eliminazione del rischio di microfratture dello smalto a causa della rotazione e delle vibrazioni della fresa.

*-- |Possibilità di trattare più casi nella stessa seduta con risparmio di costi sociali: tempo e ore lavorative perse.

*-- |Ricerca e diagnosi precoce di carie spesso invisibili all'esame visivo e radiografico.

*-- |Sicurezza per il paziente, L'americana FDA (Food and Drug Admistartion) ha certificato che l'ossido di alluminio non è tossico per l'organismo.

*-- |Possibilità di trattare pazienti "difficili": bambini o persone con controindicazioni all'anestesia locale (cardiopatici, allergici, agofobici).

 

Contro
*-- |
Non è indicato nel trattamento di carie che interessano la camera pulpare (la zona interna al centro della parte scoperta del dente).

*-- |Non può essere usato per rimuovere le amalgame di mercurio perchè le vaporizza.

*-- |Occorre fare attenzione a non ledere la mucosa con il getto d'aria compressa.

*-- |Bisogna proteggere i denti vicini a quello trattato.


I vantaggi del Carisolv
*-- |
Trattamento atraumatico e indolore della carie.

*-- |Riduzione dell?uso complessivo del trapano e dell?anestesia locale.

*-- |Trattamento selettivo: agisce solo sulla parte malata del dente.

*-- |Totale assenza di effetti indesiderati sulle mucose orali e sulla polpa del dente.

*-- |Indicato per bambini, odontofobici, donne in gravidanza, allergici.